Turismo fluviale e biodiversità: un sondaggio

In occasione della Giornata mondiale del pianeta Terra,
SIMTUR e altri promotori lanciano il sondaggio: “Turismo ed escursionismo fluviale responsabile: natura e biodiversità lungo i fiumi”.

Il turismo fluviale è una pratica di viaggio antica quanto l’uomo e che, nelle sue modalità rinnovate, sta riscuotendo enorme successo in molte parti d’Europa e del mondo.
È un turismo “verde“, ecologico e responsabile perché immerso nella natura e nel paesaggio, praticato con forme di mobilità dolcea impatto zero“.

SIMTUR e i suoi partner stanno disegnando nuove traiettorie di viaggio lungo le sponde dei fiumi, anche per conoscere i territori, le aree protette e i siti “Natura 2000“.
Per questo motivo, in occasione della Giornata Mondiale del Pianeta Terra del 22 aprile 2020 proponiamo un sondaggio su Natura e Biodiversità dei fiumi, delle sponde e degli argini, sempre più amati non solo da chi pratica canoa, kayak, sup o canottaggio, ma anche da chi viaggia a piedi e in bicicletta.

Scopo del questionario è conoscere l’attitudine di chi pratica la mobilità dolce a considerare le rotte fluviali al pari di altri percorsi escursionistici, aumentando anche la consapevolezza sull’importanza della biodiversità e della conservazione delle specie da parte di viaggiatori e comunità residenti.

Rotte blu come vie verdi per la mobilità dolce, nel rispetto della natura e della biodiversità

La ricerca è promossa da:

Cammini d’Europa, CNR Gruppo Fiumi, Assonautica Acque Interne, Federazione Italiana Canoa Turistica, Scuola Italiana Nordic Walking, Co.Mo.Do – Cooperazione per la mobilità dolce, Discesa Internazionale del Tevere, Scuola Italiana E-Bike, Viandando, UISP Acquaviva, 4R lungo il fiume, Italia Bio, Bio Slow, Federtrek, Scuola di Cammini e SIMTUR.

I risultati saranno analizzati da ricercatori ISPRA, anche al fine di confrontare i risultati con l’indagine condotta nel 2019 dalla Commissione Europea, Flash Eurobarometer.


Vai al questionario: https://bit.ly/turismofluviale-biodiversita

I contributi più amati dai lettori

  1. Buonasera,
    sono il presidente di Aquaterra ASD di Firenze: molto interessante il vostro post su “nautra e biodeversità lungo i fiumi”! Ci occupiamo di ecologia fluviale sin dal nostro dottorato di ricerca e negli ultimi cinque anni abbiamo costituito l’ASD Aquaterra (il nostro “brand” è T-rafting (www.t-rafting.com)) e abbiamo adottato già da allora il motto “Sentieri Blu in Toscana”. Con in mente questo concetto facciamo turismo attivo e sportivo in fiume, lago e mare con i gommoni da rafting, kayak, SUP, packraft, swimtrekking, footbike (monopattino sportivo) , trekking sui, dentro e accanto ai sentieri blu della Toscana. Se vogliamo scambiarci idee, esperienze, ecc. noi siamo sempre disponibili.
    Cordiali saluti
    Sebastian Schweizer

    • Buon giorno, presidente.
      Grazie per l’attenzione dedicata e complimenti per la visione e le iniziative, anche in ragione dell’esperienza già quinquennale. Sarà per noi un piacere anzitutto condividere i risultati della ricerca, ma anche immaginare una fattiva collaborazione nell’ambito dei progetti di turismo ed escursionismo fluviale in cui siamo attivi a livello nazionale.
      Non da ultimo, avrà probabilmente osservato che anche il nostro partenariato è nato 5 anni fa, attorno al Meeting annuale “All Routes lead to Rome” che, da due edizioni, prevede un tavolo dedicato alle acque interne e allo sviluppo delle rotte fluviali. Sarà per noi un piacere avervi ospiti per ascoltare le vostre esperienze, per condividere proiezioni e individuare traiettorie comuni. Un saluto molto cordiale.
      SIMTUR (www.simtur.it)

SCRIVI LA TUA OPINIONE

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui